X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 4 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Nella dichiarazione di successione integrativa da ricompilare tutti i quadri

/ Alfio CISSELLO

Sabato, 22 febbraio 2020

In sede di compilazione della dichiarazione di successione, può emergere la necessità di inviare dichiarazioni integrative di quella già presentata, al di fuori dell’art. 28 comma 6 del DLgs. 346/90, inerente al caso in cui si verifica un evento che dà luogo a un mutamento della devoluzione dell’eredità.
Semplicemente, il contribuente si accorge di aver dimenticato di indicare alcuni cespiti ereditari.

Se la dichiarazione integrativa è presentata nei termini, quindi entro l’anno dall’apertura della successione, non ci sono conseguenze sanzionatorie.
Spirato detto termine, invece, se l’omissione comporta il superamento delle franchigie, è da ritenersi integrata la violazione da dichiarazione infedele, quindi si aprono le porte del ravvedimento operoso.

Al di là ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU