X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 4 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nel documento commerciale certificati i servizi «resi», anche se non ancora pagati

Per il credito d’imposta, in caso di pagamento rateale del registratore telematico l’importo si calcola in base a quanto effettivamente corrisposto

/ Luca BILANCINI e Corinna COSENTINO

Sabato, 22 febbraio 2020

L’emissione del documento commerciale è direttamente correlata alla “esecuzione” dell’operazione, che non deve tuttavia intendersi quale “effettuazione” della stessa ai fini IVA. Resta fermo, dunque, il principio, già previsto per scontrino e ricevuta fiscale (cfr. C.M. n. 60/83), per cui la generazione del documento commerciale deve essere effettuata all’atto del pagamento (totale o parziale) del corrispettivo, o al momento della consegna del bene o dell’ultimazione della prestazione se questi eventi si verificano antecedentemente al suddetto pagamento. Questo, in estrema sintesi, uno dei molti chiarimenti in tema di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi, contenuti nella circolare n. 3, pubblicata ieri sera dall’Agenzia

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU