X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 4 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Regime forfetario dubbio per chi si dimette nel 2020

L’inciso normativo che dispone l’irrilevanza del limite se il rapporto di lavoro è cessato non contiene specificazioni in ordine ai profili temporali

/ Alessandro COTTO e Paola RIVETTI

Venerdì, 21 febbraio 2020

Una delle situazioni per le quali permangono profili di incertezza sull’applicazione del regime forfetario, come modificato dalla L. 160/2019, riguarda il soggetto lavoratore dipendente che nel corso del 2019 abbia percepito redditi di lavoro dipendente superiori a 30.000 euro e intenda intraprendere nei primi mesi del 2020 un’attività di lavoro autonomo, pur risultando ancora dipendente al 31 dicembre 2019.

In questa fattispecie, l’applicabilità del regime agevolato richiede di valutare la causa ostativa, reintrodotta proprio dalla L. 160/2019, del seguente tenore letterale: non possono avvalersi del regime forfetario “i soggetti che nell’anno precedente hanno percepito redditi di lavoro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, di cui rispettivamente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU