X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 5 aprile 2020

IMPRESA

Il libro giornale non basta a provare il finanziamento

Rilevano anche le modalità dell’apporto, nonché le finalità e gli interessi sottesi

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 20 febbraio 2020

Le annotazioni presenti sul libro giornale non sono sufficienti, per il socio che le fa valere in giudizio, a provare la natura di finanziamento in favore della società, e non di conferimento in conto capitale, della somma richiesta in restituzione.
È questa la precisazione resa dall’ordinanza n. 4261 della Cassazione, depositata ieri, al termine di un breve excursus dei principi enunciati in materia dalla giurisprudenza di legittimità.

In relazione agli apporti effettuati dai soci per far fronte alla debolezza finanziaria della società, infatti, si è da tempo distinto tra finanziamenti e versamenti in conto capitale, ovvero, guardando alla differente fonte causale, tra erogazioni di capitale di credito e di capitale di rischio (cfr. Cass. n. 7692/2006).
Le prime erogazioni di cui sopra ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU