X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 8 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nel contraddittorio preventivo prova di resistenza ardua

Ininfluente che parte dei rilievi, come da atti allegati al processo, stessero per essere accettati nell’accordo di mediazione

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Giovedì, 20 febbraio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La circostanza che il contribuente abbia addotto in giudizio argomentazioni difensive accolte dall’ufficio, tanto da essere poste a base di una proposta di mediazione (poi rifiutata), non costituisce elemento sufficiente a ritenere superata la cd. “prova di resistenza” e, conseguentemente, a invalidare l’avviso di accertamento IVA, per violazione del diritto al contraddittorio preventivo.
È questa, in sintesi, la posizione assunta dalla Cassazione con la sentenza n. 3227 dell’11 febbraio 2020.

Il caso concerneva un avviso di accertamento IVA emesso per l’anno 2012. La controversia, giunta in Cassazione, atteneva esclusivamente al rispetto del principio del contraddittorio endoprocedimentale. In particolare, l’Agenzia delle Entrate contestava la sentenza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU