X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 5 aprile 2020

FISCO

Se il bonus è trattamento integrativo dei salari non riduce la pressione fiscale

Con il DL 3/2020 il «bonus 80 euro», ora elevato e ampliato, viene scorporato dal TUIR e cessa di essere definito credito d’imposta

/ Enrico ZANETTI

Giovedì, 20 febbraio 2020

Prosegue il ciclo di audizioni della Commissione Finanze del Senato sul Ddl. di conversione del DL n. 3/2020, con il quale il Governo amplia portata e platea del “bonus 80 euro” e introduce, seppure in via transitoria per il solo 2020, una nuova detrazione per redditi di lavoro dipendente.
Ieri è toccato all’Ufficio parlamentare di Bilancio soffermarsi sui contenuti del decreto, ma è stato il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili a porre l’accento, in occasione dell’audizione di martedì scorso, sul “cambiamento di pelle” del bonus.

Sin dalla sua introduzione, il “bonus 80 euro” è stato accompagnato da questo dibattito, rimasto irrisolto al punto che, sin dal 2015 e sino ad oggi, i Documenti di economia ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU