X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 aprile 2020 - Aggiornato alle 12.50

FISCO

Decade la prima casa con la vendita dopo la separazione consensuale

Nei casi di cui all’art. 12 del DL 132/2014 niente esenzione ex art. 19 della L. 74/87: l’accordo non può contenere patti di trasferimento patrimoniale

/ Cecilia PASQUALE

Venerdì, 28 febbraio 2020

Il trasferimento a terzi della prima casa a seguito di separazione consensuale davanti all’ufficiale dello stato civile provoca la decadenza dall’agevolazione, in quanto non opera, nello specifico caso della separazione ex art. 12 del DL n. 132/2014, l’esenzione di cui all’art. 19 della L. 74/87.

Così si è espressa l’Agenzia delle Entrate nella risposta a interpello n. 80, pubblicata ieri, in un caso in cui due coniugi, circa un mese dopo aver siglato un accordo di separazione davanti all’ufficiale di stato civile ex art. 12 del DL n. 132/2014, avevano ceduto a terzi l’immobile che avevano acquistato beneficiando delle agevolazioni prima casa meno di 5 anni prima.

Si ricorda che decade dall’agevolazione colui che trasferisce a titolo gratuito ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU