X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 17 gennaio 2021

FISCO

Valorizzazione edilizia anche con contratto preliminare a certe condizioni

Il Notariato ha esaminato le prime questioni operative poste dall’art. 7 del DL 34/2019

/ Cecilia PASQUALE

Giovedì, 5 marzo 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Gli incentivi per la valorizzazione edilizia di cui all’art. 7 del DL n. 34/2019 (decreto “crescita”) dovrebbero operare anche nel caso di contratto preliminare che preveda il pagamento di acconti o caparre per i quali è stata pagata l’imposta di registro proporzionale stipulato prima dell’entrata in vigore della norma, seguito dal contratto definitivo stipulato dopo l’entrata in vigore della legge; infatti, l’imposta di registro dovuta su acconti o caparre configura un anticipo sull’imposta dovuta per il contratto definitivo e l’acquirente può chiedere il rimborso delle imposte proporzionali già pagate, a nulla rilevando che la normativa di favore non fosse ancora vigente al tempo della stipula del preliminare. Questa è una delle ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU