X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 27 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Distribuire utili in contanti ai soci legittima l’accertamento presuntivo

La Cassazione valida, inoltre, la comparazione con altre imprese selezionate in base al codice attività

/ Francesco BRANDI

Giovedì, 16 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Legittimo l’accertamento analitico-induttivo a carico della società che paga in contanti i soci trattandosi di una modalità anomala che nasconde la distribuzione di utili in nero, sulla quale può fondarsi l’atto impositivo. Tanto più che nel caso di specie la redditività della società era la più bassa tra quelle riscontrate tra le imprese concorrenti operanti nello stesso ambito territoriale.
È quanto affermato dalla Corte di Cassazione che, con la sentenza n. 7071 del 12 marzo 2020, ha respinto il ricorso di una società.

Confermata dunque la legittimità di un accertamento con cui erano contestati maggiori ricavi alla luce della bassa redditività della società rispetto a quella delle imprese concorrenti e delle indagini finanziarie nei confronti dei soci; in particolare sono stati

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU