X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Integrazione del contraddittorio senza termine difficile da gestire

/ Alfio CISSELLO

Giovedì, 9 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

In caso di litisconsorzio necessario, ove il ricorrente, in primo grado, non abbia notificato il ricorso a tutti i litisconsorti, o, più in generale, quando tutti non hanno presentato ricorso, il giudice deve disporre l’integrazione del contraddittorio entro un termine da lui stabilito ai sensi dell’art. 14 del DLgs. 546/92.

L’ipotesi classica è quella delle società di persone nei tributi imputati per trasparenza.
Una problematica simile si pone, in appello, nel c.d. litisconsorzio processuale: se la lite è inscindibile ex art. 331 del codice di procedura civile, ove l’appello non sia stato notificato a tutte le parti del primo grado, il giudice ordina l’integrazione del contraddittorio entro un termine da lui stabilito e l’inosservanza determina l’inammissibilità

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU