X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 10 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Rimborso parziale non sempre atto autonomamente impugnabile

Interessi soggetti a prescrizione quinquennale

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Venerdì, 17 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il provvedimento con cui l’Agenzia delle Entrate accoglie parzialmente la richiesta di rimborso non implica, necessariamente, un atto di rifiuto parziale (seppur implicito) da impugnare a pena di inammissibilità entro 60 giorni, essendo possibile che, per la parte non accolta, il provvedimento possa avere natura interlocutoria e non reiettiva.
Inoltre, gli interessi dovuti sul rimborso di imposte dirette costituiscono obbligazione autonoma rispetto alla quota capitale e, come tali, si prescrivono in cinque anni, ai sensi dell’art. 2948 n. 4. c.c.
Sono questi i principi che si desumono dalla lettura della sentenza della Cassazione n. 5338/2020.

Il caso prende le mosse da una richiesta di rimborso avanzata da una banca nel 1983 per un credito ILOR. Tale credito veniva successivamente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU