X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 31 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

La variazione al catasto può mutare l’aliquota IVA sulla costruzione

/ Mirco GAZZERA e Emanuele GRECO

Mercoledì, 24 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Alle prestazioni di servizi relative alla costruzione di case di abitazione “non di lusso” l’IVA si applica con l’aliquota del 10%. Qualora il fabbricato sia poi accatastato dall’Agenzia delle Entrate nella categoria A/1, A/8 o A/9, tuttavia, occorre comprendere se il predetto beneficio venga meno nonché quale sia la valenza della dichiarazione rilasciata dal committente al prestatore in merito alla sussistenza dei requisiti per l’applicazione dell’aliquota IVA agevolata.

Il n. 127-quaterdecies della Tabella A, Parte III, allegata al DPR 633/72 prevede l’aliquota IVA del 10% per le prestazioni di servizi dipendenti da contratti di appalto relativi alla costruzione di case di abitazione di cui al n. 127-undecies.

Il n. 127-undecies della predetta ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU