X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Proventi e oneri dei derivati esclusi da IRAP

Le componenti del Conto economico classificate nell’area finanziaria non hanno mai concorso a formare la base imponibile dell’IRAP

/ Luca MIELE e Alessandro SURA

Sabato, 30 maggio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Una recente risposta a interpello dell’Agenzia delle Entrate ha riacceso il dibattito circa la classificazione nel Conto economico dei costi e ricavi generati dalla sottoscrizione di contratti derivati.
Nel caso di specie, riguardante una società che non superava i limiti di cui all’art. 2435-ter (micro impresa), l’Agenzia ha ritenuto che, in considerazione della peculiare attività posta in essere dalla società interpellante (attività di trading su strumenti finanziari derivati), “i componenti di reddito derivanti sia dalla valutazione a fine esercizio sia dal realizzo degli strumenti in parola debbano essere ricondotti tra le voci rilevanti ai fini del tributo regionale, ai sensi dell’articolo 5 del decreto IRAP, in quanto rappresentativi dell’attività caratteristica

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU