X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 14 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Sospensione delle procedure esecutive sulla prima casa con dubbi

Per abitazione principale si intende il luogo di dimora abituale del debitore esecutato ex art. 43 c.c.; non rileva la disciplina fiscale sulla «prima casa»

/ Simona BORIA

Lunedì, 29 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

In materia di esecuzioni immobiliari, la L. 27/2020 di conversione del DL 18/2020 (“Cura Italia”) ha introdotto l’art. 54-ter, rubricato “sospensione delle procedure esecutive sulla prima casa”.

La predetta norma, all’espresso scopo di contenere gli effetti negativi dell’attuale emergenza sanitaria da COVID-19, ha disposto la sospensione delle procedure esecutive immobiliari, aventi ad oggetto l’abitazione principale del debitore, su tutto il territorio nazionale, per la durata di 6 mesi, decorrenti dall’entrata in vigore della L. 27/2020 (il 30 aprile 2020). 

Pare emergere, da subito, con chiarezza l’intento del legislatore di tutelare maggiormente il debitore, non vessando ulteriormente la sua posizione in un momento di forte crisi, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU