X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 26 febbraio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il bookmaker estero senza concessione sconta sempre l’imposta unica

Secondo la C.T. Reg. Lazio, per le annualità antecedenti al 2011 l’unico soggetto passivo è da identificarsi in chi ha raccolto le scommesse

/ Angelo CONTE

Lunedì, 29 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’imposta unica sulle scommesse è sempre dovuta dal bookmaker estero privo di concessione. Per gli anni di imposta antecedenti al 2011, la Corte Costituzionale (sentenza n. 27/2018) ha escluso che possa ritenersi soggetto passivo anche il ricevitore, mentre, per tali annualità, va ritenuto che l’unico soggetto passivo sia chi ha raccolto, ancorché in assenza di concessione, le scommesse, ovvero il bookmaker. Questo è il principio che emerge dalla sentenza della C.T. Reg. Lazio n. 1107/2020.

La vicenda trae origine da un avviso di accertamento relativo all’imposta unica sulle scommesse per l’anno di imposta 2008 emesso dall’Agenzia delle Dogane e dei monopoli nei confronti di un bookmaker estero non autorizzato come obbligato in solido con un centro di trasmissione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU