X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 20 giugno 2021

FISCO

Negato il reverse charge su appalti e subappalti con impiego di manodopera

La Commissione Ue conferma invece l’applicazione dello split payment sino al 30 giugno 2023, con una proroga di ulteriori tre anni

/ Mirco GAZZERA e Emanuele GRECO

Venerdì, 26 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il reverse charge per le prestazioni di servizi in appalto e subappalto con prevalente utilizzo di manodopera, introdotto dal collegato alla legge di bilancio 2020 (DL 124/2019), non trova la necessaria autorizzazione in sede comunitaria.
È, invece, confermata l’applicazione dello split payment sino al 30 giugno 2023, con una proroga di ulteriori tre anni rispetto alla scadenza della precedente autorizzazione (30 giugno 2020).
Sono queste le due rilevanti novità emerse dai documenti inviati dalla Commissione Ue al Consiglio, in data 22 giugno 2020, in ordine all’applicazione delle misure di deroga alla direttiva 2006/112/Ue in materia di IVA, a norma dell’art. 395 della direttiva medesima.

Per quanto concerne la proposta di decisione in tema di reverse charge, essa verte sull’art. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU