X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 11 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Le attività incompatibili possono essere accertate dalla CNPADC

La Cassazione consolida l’orientamento interpretativo già tracciato dalle Sezioni Unite

/ Luca MAMONE

Giovedì, 9 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassa nazionale di previdenza dei dottori commercialisti (CNPADC) ha il potere di accertare che l’esercizio della professione non è stato svolto nelle situazioni di incompatibilità previste per legge, ancorché tale incompatibilità non sia stata accertata dal Consiglio dell’Ordine competente.

Questo è quanto ribadito dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 14377 depositata ieri, con cui viene accolto il ricorso della predetta Cassa previdenziale avverso una sentenza della Corte d’Appello di Roma che, confermando quanto deciso in primo grado, aveva ritenuto che alla CNPADC non spettasse un potere autonomo, qualora fosse mancata una conforme decisione dell’Ordine professionale, di verificare i requisiti di legittimità dell’esercizio della professione, ai fini

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU