X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 29 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nulla la cartella notificata al socio se non preceduta dall’accertamento

La Corte di Cassazione ha ribadito il principio con la sentenza n. 15378 di ieri

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Martedì, 21 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

È illegittima e, come tale, deve essere annullata la cartella di pagamento con la quale l’Amministrazione finanziaria richiede, nell’asserita qualità di “coobbligato in solidoex artt. 36 DPR 602/1973 e 2495 c.c., all’ex socio unico e legale rappresentante di una società a responsabilità limitata, successivamente posta in liquidazione, le maggiori imposte accertate in capo alla società.

La responsabilità ai sensi dell’art. 36 del DPR 602/1973 è infatti riconducibile agli artt. 1176 e 1218 c.c. e integra una ipotesi di responsabilità propria ex lege, di natura civilistica, con la conseguenza che l’obbligazione tributaria accertata in capo alla società non può mai essere direttamente rivolta alla persona fisica, senza un previo accertamento atto a dimostrare, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU