X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 24 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Cessioni di beni on line esonerate dalla fattura anche con stoccaggio all’estero

Se l’operazione è riconducibile al commercio elettronico indiretto è sufficiente l’annotazione sui registri

/ Corinna COSENTINO

Martedì, 4 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la risposta a interpello n. 238 di ieri, l’Agenzia delle Entrate si è pronunciata in merito al trattamento IVA applicabile alle cessioni di beni effettuate tramite una piattaforma web da una società italiana nei confronti di privati extra-Ue, nell’ipotesi in cui i beni vengano inizialmente inviati presso un deposito fiscale situato in una zona franca nello Stato estero in attesa della successiva cessione.
Nel caso specifico, all’uscita dal magazzino italiano i beni sono accompagnati da una fattura pro forma, in cui la merce è valorizzata al presumibile valore di vendita. Quando i clienti effettuano l’ordine e il relativo pagamento sulla piattaforma on line, i beni vengono prelevati dal deposito per essere consegnati. Soltanto in tale momento, la merce è sdoganata

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU