X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 22 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Ammissione al passivo fallimentare con estratto di ruolo

Aperto il dibattito sulla decorrenza dei termini di impugnazione del curatore

/ Alfio CISSELLO e Antonio NICOTRA

Giovedì, 17 settembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nella giurisprudenza di legittimità è consolidato l’orientamento secondo cui l’ammissione allo stato passivo di crediti tributari e previdenziali può essere richiesta dal concessionario per la riscossione sulla base del solo estratto del ruolo, senza che occorra, in difetto di espressa norma di legge, la previa notifica della cartella di pagamento, salva la necessità, in caso di contestazioni del curatore, per i crediti tributari, di provvedere all’ammissione con riserva, e per i crediti previdenziali, in quanto assoggettati alla giurisdizione del giudice ordinario, dell’integrazione della prova a cura del concessionario mediante altri documenti giustificativi (cfr. Cass. 30 gennaio 2019 n. 2732).

Tale principio è stato ribadito dalla Cassazione del 21 agosto 2020 n. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU