X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Azioni di massa con effetti incerti sulla chiusura anticipata del fallimento

Il dubbio origina dalla formulazione dell’art. 118 del RD 267/42, nella parte in cui richiama i soli rapporti di diritto patrimoniale compresi nel fallimento

/ Tommaso NIGRO

Giovedì, 24 settembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’intervento riformatore di cui all’art. 7 del DL 83/2015 nacque con la dichiarata finalità di imprimere una forte impronta acceleratoria alla durata delle procedure fallimentari, tendendo a contenere il diffuso fenomeno delle condanne della c.d. legge Pinto (L. 89/2001).

La norma incisa è costituita, per quanto qui di interesse, dal combinato disposto di cui all’art. 118 comma 2 del RD 267/42, a norma del quale “La chiusura della procedura di fallimento nel caso di cui al n. 3) non è impedita dalla pendenza di giudizi, rispetto ai quali il curatore può mantenere la legittimazione processuale anche nei successivi stati e gradi del giudizio, ai sensi dell’art. 43.”; nonché del riformato art. 120 comma 5 del RD 267/42, a mente del quale “Nell’ipotesi

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU