X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 29 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

I dazi si pagano anche sui software

La Corte di Giustizia Ue si è pronunciata sulla determinazione del valore in Dogana

/ Pier Paolo GHETTI e Sabrina FERRAZZI

Venerdì, 25 settembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il costo del software dato a titolo gratuito (o a costo ridotto) al proprio fornitore, secondo la Corte di Giustizia, concorre alla determinazione del valore in dogana laddove utilizzato per la produzione del bene poi importato ai sensi dell’art. 71, par. 1, lett. b), punto i) del Regolamento 952/2013 (CDU), sebbene la norma non annoveri espressamente questo tipo di bene immateriale tra quelli che devono essere considerati ai fini del computo della base imponibile daziaria. Così si è espressa la Corte di Giustizia nella sentenza del 10 settembre, relativa alla causa C-509/19, BMW Bayerische Motorenwerke AG contro Hauptzollamt München.

Una nota casa automobilistica commissionava la produzione di centraline di comando a fornitori extra unionali fornendo loro, a titolo gratuito, un software ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU