X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 25 febbraio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Demolizione e successiva ricostruzione con verifica del reverse charge

/ Andrea BONINO e Emanuele GRECO

Venerdì, 30 ottobre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il Testo unico dell’edilizia, a seguito delle recenti modifiche introdotte dal c.d. decreto “Semplificazioni” (DL 16 luglio 2020 n. 76, conv. L. 120/2020), ricomprende tra gli interventi di ristrutturazione edilizia (art. 3, comma 1, lett. d) del DPR 380/2001) anche la demolizione di un fabbricato con la successiva ricostruzione dello stesso, il quale può, inoltre, avere una differente sagoma e una maggiore volumetria, nel rispetto chiaramente degli strumenti urbanistici comunali.
A differenza del passato, quindi, la possibilità di incrementare la volumetria del fabbricato ricostruito consente di fare rientrare nell’ambito delle ristrutturazioni anche numerosi interventi che precedentemente sarebbero stati qualificati come di nuova costruzione (art. 3 comma 1 lett. e) ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU