X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 gennaio 2021

IMPRESA

Intervento nel riparto per il creditore garantito sui beni del fallito

L’orientamento prevalente in giurisprudenza trova conferma anche nel Codice della crisi

/ Antonio NICOTRA

Lunedì, 23 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Lo status di creditore del fallito rappresenta il presupposto sostanziale per l’ammissione al passivo e la partecipazione al concorso.
Secondo la giurisprudenza di legittimità, i creditori, titolari di un diritto di ipoteca o di pegno sui beni compresi nel fallimento e costituiti in garanzia per crediti verso debitori diversi dal fallito, tuttavia, non possono avvalersi del procedimento di verificazione del passivo, non essendo gli stessi creditori diretti del fallito, e non possono proporre domanda di separazione ex art. 103 del RD 267/42, non risultando neanche tra i destinatari dell’avviso del curatore ex artt. 92 e 107 comma 3 del RD 267/42 (Cass. n. 18790/2019).

Già sotto il vigore della legge fallimentare ante 2006, la giurisprudenza statuiva che il titolare di prelazione, non ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU