ACCEDI
Mercoledì, 28 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il fallimento inibisce la decadenza per la cartella

Tale principio richiederebbe un intervento normativo

/ Alfio CISSELLO e Antonio NICOTRA

Mercoledì, 9 dicembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, con la sentenza n. 23513/2020, ha affermato un principio dalla portata, almeno in via potenziale, dirompente, che può essere censurato sotto vari aspetti.
I giudici stabiliscono che, in pendenza di fallimento, non sono ammesse azioni esecutive individuali nei confronti del fallito, ivi inclusa la notifica della cartella di pagamento. L’ammissione al passivo del credito avviene peraltro sulla base del solo ruolo.

I termini di decadenza entro cui la cartella di pagamento va notificata non decorrono in pendenza di fallimento, dunque è legittimamente notificata la cartella stessa al socio dopo la chiusura del fallimento.
Sembra dunque che i termini decadenziali, in un certo senso, siano interrotti per effetto del fallimento, per poi cominciare a decorrere da quando termina il

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU