X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 17 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nota di credito anche senza certezza dell’infruttuosità della procedura

La Cassazione aderisce alle pronunce della Corte di Giustizia per le rettifiche IVA in diminuzione

/ Emanuele GRECO e Simonetta LA GRUTTA

Martedì, 17 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 25896, depositata ieri, la Corte di Cassazione ha sancito che l’emissione di una nota di variazione IVA in diminuzione, ai sensi dell’art. 26 del DPR 633/72, non necessita della certezza dell’irrecuperabilità derivante dall’infruttuosità della procedura.
In tal senso, si era già pronunciata la Corte di Giustizia dell’Unione europea, con sentenza 23 novembre 2017, causa C-246/16, Di Maura, illustrando che uno Stato membro non può subordinare la riduzione della base imponibile dell’IVA all’infruttuosità di una procedura concorsuale qualora, come accade in Italia, una procedura fallimentare possa durare anche più di dieci anni.
I soggetti passivi italiani, altrimenti, nel caso di mancato pagamento del corrispettivo di una cessione di beni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU