X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 18 gennaio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per l’indebita compensazione non serve l’invio della dichiarazione IVA

Il delitto si consuma al momento della presentazione dell’ultimo modello F24 relativo all’anno interessato

/ Maria Francesca ARTUSI

Martedì, 24 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’assenza della dichiarazione IVA non incide sulla configurabilità del reato di indebita compensazione previsto dall’art. 10-quater del DLgs. 74/2000.

Così afferma la Cassazione nella pronuncia n. 32686 depositata ieri, a fronte di un ricorso che, invece, riteneva infondata la condanna derivante dalla compensazione di crediti inesistenti in quanto l’omessa presentazione della dichiarazione IVA avrebbe dovuta essere ritenuta presupposto necessario dell’avviso di accertamento in cui si accertano i crediti posti in compensazione.

La difesa lamenta, proprio, il fatto di essersi trovata davanti ad un avviso di accertamento senza possibilità di conoscere e contestare quanto accertato dall’Agenzia delle Entrate, in assenza di un processo verbale di constatazione. Conseguentemente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU