X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 1 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Regime degli impatriati non accessibile mediante integrativa a favore

Ammesse invece la correttiva nei termini e, entro 90 giorni dalla scadenza ordinaria, la dichiarazione tardiva o integrativa/sostitutiva

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Venerdì, 8 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Superato il termine ordinario per la trasmissione del modello REDDITI Persone Fisiche non è possibile usufruire del regime fiscale per lavoratori impatriati di cui all’art. 16 del DLgs. 147/2015, mediante la presentazione di una dichiarazione dei redditi c.d. “integrativa a favore”.
Tuttavia, in caso di presentazione del modello 730, è ancora possibile optare per il regime di favore se entro il termine di trasmissione della dichiarazione sia presentato il modello REDDITI PF (c.d. “correttiva nei termini”), posto che in tal caso il modello REDDITI andrebbe a sostituirsi integralmente al 730 già presentato, privo di opzione.

Semaforo verde, poi, anche se – entro il termine di 90 giorni dalla scadenza ordinaria – viene presentata per la prima volta la dichiarazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU