X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

L’obbligato in solido può accedere agli atti presupposto della diffida accertativa

Secondo l’Ispettorato il richiedente è tenuto a dimostrare l’interesse in maniera chiara e concreta

/ Mario PAGANO

Lunedì, 18 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il quesito se il committente, chiamato a rispondere in qualità di obbligato solidale in forza degli artt. 29 comma 2 del DLgs. 276/2003 e 1676 c.c., per i crediti retributivi dei dipendenti dell’appaltatore, oggetto di diffida accertativa, può accedere agli atti presupposto per la validazione della diffida stessa, risolto dall’Ispettorato nazionale del lavoro con il parere n. 42/2021, pone un interessante tema circa i presupposti che legittimano l’accesso agli atti della Pubblica Amministrazione.
Ciò con maggiore interesse, rispetto al caso di specie, alla luce delle modifiche legislative, introdotte con l’art. 12-bis del DL 76/2020, che hanno riscritto l’istituto della diffida accertativa.

La diffida accertativa, disciplinata dall’art. 12 del DLgs. 124/2004, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU