X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 26 febbraio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Ritenute ripetibili in caso di definizione della lite

/ Alfio CISSELLO e Massimo NEGRO

Martedì, 19 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Sovente le contestazioni che l’Erario muove nei confronti del contribuente riguardano l’omessa effettuazione di ritenute fiscali, o l’esecuzione per un importo ridotto.

Nella sostituzione a titolo di acconto, per appurare se il recupero della ritenuta non eseguita vada effettuato nei confronti del sostituto, del sostituito, oppure solidalmente a entrambi, è bene analizzare la disciplina sostanziale di riferimento. Nel caso del lavoro nero, ad esempio, è pacifico in giurisprudenza che ci sia solidarietà tra le parti, nonostante l’aspetto sia da molti anni discusso in dottrina.
Invece, se si tratta di sostituzione a titolo di imposta, l’unico responsabile è il sostituto, in quanto la ritenuta “esaurisce” il prelievo, non avendo, nella maggioranza dei casi,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU