X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 marzo 2021 - Aggiornato alle 6.00

CONTABILITÀ

La moratoria sui mutui non produce benefici sul Conto economico 2020

La sospensione del pagamento può comportare la contabilizzazione di maggiori interessi passivi

/ Fabrizio BAVA e Alain DEVALLE

Martedì, 19 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 56 del DL 18/2020 (“Cura Italia”) ha introdotto la possibilità di sospendere il pagamento dei mutui e degli altri finanziamenti a rimborso rateale fino al 30 giugno 2021 (grazie alla proroga approvata con la L. 178/2020, legge di bilancio 2021).
La sospensione può avere a oggetto la sola quota capitale della rata oppure l’intera rata, comprensiva quindi degli interessi passivi.

Al fine di individuare il corretto trattamento contabile da adottare nel bilancio 2020 è opportuno sottolineare che la norma (DL 18/2020), a differenza di altri provvedimenti (come, ad esempio, quello che consente la non iscrizione degli ammortamenti o la rivalutazione dei beni d’impresa), non disciplina alcuna deroga ai criteri di valutazione da adottare nel bilancio. L’obiettivo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU