X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 26 febbraio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’appartenenza al gruppo non giustifica il prezzo incongruo verso la consociata estera

I vantaggi compensativi non escludono le rettifiche derivanti dal transfer pricing

/ Luisa CORSO e Gianluca ODETTO

Venerdì, 22 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La sentenza della Corte di Cassazione n. 1232 depositata ieri, 21 gennaio 2021, fornisce alcuni interessanti principi riguardanti il rapporto tra la disciplina dei prezzi di trasferimento di cui all’art. 110 comma 7 del TUIR e i vantaggi compensativi offerti dall’attività di direzione e coordinamento svolta nell’ambito di un gruppo di società.

Il caso di specie ha ad oggetto le royalties addebitate dalla società controllante residente nei confronti delle consociate estere ad un prezzo che, ad avviso dell’Amministrazione finanziaria, risultava inferiore a quello che sarebbe stato praticato in condizioni di libera concorrenza.

Nel confermare la non congruità del prezzo praticato, la Corte di Cassazione si sofferma sulle giustificazioni addotte dalla società controllante,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU