X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Cessione di energia da biomasse con reverse charge

/ Emanuele GRECO e Melania MARCHESE

Giovedì, 10 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Costituiscono attività connesse ai sensi dell’art. 2135 comma 3 c.c. la produzione e la cessione di energia elettrica e calorica da fonti rinnovabili agroforestali, derivanti dalla coltivazione del fondo da parte dell’imprenditore agricolo (art. 1 comma 423 della L. 266/2005).
In ordine alla definizione delle fonti di produzione agricole, la circ. Agenzia delle Entrate n. 32/2009 ha chiarito, in particolare, che per “fonti rinnovabili agroforestali” s’intendono le biomasse, ossia “la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui provenienti dall’agricoltura (comprendente sostanze vegetali ed animali) e dalla silvicoltura (es. biomasse legnose che si ottengono da legna da ardere, cippato di origine agroforestale, o pellet derivante dalla segatura

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU