X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’emissione dell’accertamento entro fine 2020 inibisce il ravvedimento

Tesi non condivisibile, in quanto l’accertamento è un atto recettizio

/ Alfio CISSELLO

Giovedì, 10 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta a interpello n. 396 pubblicata ieri, specifica che il ravvedimento operoso, in relazione all’anno 2015, non può avvenire oltre il 31 dicembre 2020, in quanto non sono stati postergati i termini per le dichiarazioni integrative.
Viene così confermata la precedente risposta a interpello n. 620 del 24 dicembre 2020, e bypassata, in modo forse un po’ sbrigativo, la diversa risposta resa in via ufficiosa nel Videoforum di Italia Oggi del 14 gennaio 2021.

In breve, la tesi dell’Agenzia delle Entrate è la seguente.
La dichiarazione integrativa, come specifica l’art. 2 del DPR 322/98, va presentata entro i termini decadenziali di accertamento.
Se si tratta di periodo d’imposta 2015 (dichiarazione presentata nel 2016), occorre ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU