X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 10 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Fissate le regole per presentare le istanze per gli incentivi a investimenti in start up e PMI innovative

/ REDAZIONE

Sabato, 27 febbraio 2021

x
STAMPA

Con la circolare 25 febbraio 2021, pubblicata ieri, il Ministero dello Sviluppo economico ha fornito le disposizioni operative per l’accesso e il funzionamento della piattaforma informatica per la presentazione delle istanze per la detrazione IRPEF al 50% sugli investimenti effettuati nel 2020 in start up e PMI innovative.
La circolare segue il DM 28 dicembre 2020, con cui sono state definite le modalità di attuazione degli incentivi fiscali in regime de minimis all’investimento in start up e in PMI innovative introdotti dall’art. 38, commi 7 e 8 del DL 34/2020 (art. 29-bis del DL 179/2012 e art. 4 comma 9-bis del DL 3/2015; si veda “Per gli incentivi a investimenti in start up e PMI innovative 2020 istanze dal 1° marzo” del 17 febbraio).

Inoltre, il MISE ha reso disponibili quattro allegati:
- modulo di domanda;
- modulo di dichiarazione investimento indiretto OICR;
- modulo di variazione;
- modulo di dichiarazione variazione investimento indiretto OICR.

Come ricorda il Ministero, l’agevolazione è pari al 50% dell’investimento effettuato nelle start up innovative (investimento agevolabile fino a un massimo di 100.000 euro, per ciascun periodo di imposta) e nelle PMI innovative (fino a un massimo di 300.000 euro; oltre tale limite, sulla parte eccedente l’investitore può detrarre il 30% in ciascun periodo d’imposta), nei limiti delle soglie fissate dal regime “de minimis”.

L’investimento, che può essere effettuato direttamente o anche indirettamente attraverso fondi comuni (OICR), deve essere mantenuto per almeno tre anni.

La presentazione della domanda, la registrazione e la verifica dell’aiuto de minimis sarà effettuata esclusivamente tramite la piattaforma informatica in corso di predisposizione dal MISE.

Sono ammessi tutti gli investimenti già effettuati nel corso dell’anno 2020 e fino all’operatività della piattaforma: l’impresa beneficiaria può presentare domanda nel periodo compreso tra il 1° marzo e il 30 aprile 2021.
A regime gli investimenti dovranno essere effettuati solo dopo la presentazione della domanda.

TORNA SU