X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 10 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Compensazione del credito IVA di nuovo entro il limite di 700.000 euro

La dichiarazione richiede il visto di conformità per importi superiori a 5.000 euro su base annua

/ Emanuele GRECO e Massimo NEGRO

Mercoledì, 3 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il 6 marzo 2021 rappresenta il termine ultimo per presentare la dichiarazione IVA da parte di coloro che intendono compensare il credito emergente, per un importo superiore a 5.000 euro, con imposte e contributi in scadenza il 16 marzo.

È, fin da subito, opportuno osservare che il limite massimo dei crediti d’imposta e contributivi compensabili “orizzontalmente”, ai sensi dell’art. 17 del DLgs. 241/97 e dell’art. 34 della L. 388/2000, per l’anno 2021 è nuovamente pari a 700.000 euro. Tale limite comprende anche i rimborsi erogati in favore dei soggetti intestatari di conto fiscale, con la procedura c.d. “semplificata”, secondo quanto previsto dall’art. 25 comma 4 del DLgs. 241/97.

Non è, infatti, più operativa la maggiore soglia prevista, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU