X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 7 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Decadenza diversificata per le cartelle di pagamento

Rimane invariata la notifica degli avvisi di accertamento

/ Alfio CISSELLO

Mercoledì, 7 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

I vari decreti che, nel corso degli ultimi mesi, hanno caratterizzato l’emergenza epidemiologica in atto si sono distinti, tra l’altro, per intervenire diverse volte sui termini decadenziali, prevedendo proroghe dei medesimi.
Gli ultimi decreti, in particolare il DL 41/2021, hanno inciso sui termini decadenziali per la notifica delle cartelle di pagamento ma non su quelli per gli avvisi di accertamento.

In relazione a questi ultimi, rimane il singolare sdoppiamento tra emissione e notifica dell’atto contemplata dall’art. 157 del DL 34/2020.
Per effetto di ciò, ogni atto impositivo (avviso di accertamento, avviso di liquidazione, atti di contestazione/irrogazione delle sanzioni, di recupero del credito d’imposta) scaduto tra l’8 marzo 2020 e il 31 dicembre 2020

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU