X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Agente della riscossione con limitato sindacato sull’autodichiarazione

/ Alfio CISSELLO

Lunedì, 26 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La L. 228/2012 prevede una procedura che, in costanza dei requisiti di legge, può condurre all’annullamento automatico del debito iscritto a ruolo.

Ciò inizia con un’autodichiarazione da presentare al soggetto deputato alla riscossione, per effetto della quale ogni attività esecutiva/cautelare deve immediatamente bloccarsi.
Il tutto va trasmesso, a cura del concessionario, all’ente creditore, che, dopo aver valutato la documentazione prodotta dal debitore, conferma o meno la necessità di bloccare la riscossione o di sgravare gli importi. Se l’ente creditore non risponde nei 220 giorni successivi alla presentazione dell’autodichiarazione, il credito è annullato di diritto se si verte in caso di giudicato, pagamento/decadenza/prescrizione antecedente al ruolo o di

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU