X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Nel mutuo fondiario valori di mercato e cauzionale degli immobili non coincidenti

Necessario un controllo critico del creditore bancario sulla valutazione dello stimatore

/ Marco PEZZETTA

Sabato, 1 maggio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Una recente pronuncia del Tribunale di Udine (22 gennaio 2021), in tema di ammissione al passivo di un mutuo fondiario, consente di focalizzare l’attenzione sul valore da attribuire agli immobili posti in garanzia. Infatti, i mutui fondiari, tranne che in particolari situazioni, possono essere concessi per non più dell’80% del valore dell’immobile costituito in garanzia (art. 38 del DLgs. 385/1993 e delibera CICR 22 aprile 1995).

Nel caso di specie, l’istanza di insinuazione nel passivo fallimentare di un mutuo fondiario era stata rigettata nel presupposto dell’avvenuto superamento di detto limite. Nel giudizio originato dall’opposizione a tale decisione, il Tribunale di Udine ha ammesso il mutuo al passivo del fallimento, riqualificandolo, ex art. 1424 c.c., ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU