X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

IL CASO DEL GIORNO

Clausola di delegazione di pagamento senza tassazione autonoma

/ Anita MAURO

Sabato, 9 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La tassazione, ai fini dell’imposta di registro, della clausola di delegazione di pagamento presenta aspetti non chiari. 
Si premette che la delegazione, quale istituto generale, è contemplata dall’art. 1268 c.c., a norma del quale “se il debitore assegna al creditore un nuovo debitore, il quale si obbliga verso il creditore, il debitore originario non è liberato dalla sua obbligazione, salvo che il creditore dichiari espressamente di liberarlo. Tuttavia il creditore che ha accettato l’obbligazione del terzo non può rivolgersi al delegante, se prima non ha richiesto al delegato l’adempimento”.

L’operazione coinvolge, dunque, tre soggetti (delegante, delegato e delegatario) e presuppone:
- un rapporto obbligatorio fra debitore delegante e creditore delegatario ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU