X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Nella bancarotta per distrazione da provare innanzitutto l’esistenza del bene

A tali fini possono essere presi in considerazione i dati di bilancio, purché attendibili

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 7 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In tema di bancarotta fraudolenta patrimoniale, anche il bilancio può costituire documento utile ai fini della ricostruzione del patrimonio sociale, purché redatto in linea con le prescrizioni imposte dalla legge e sia, dunque, assistito dal crisma dell’attendibilità.
Ad affermarlo è la Cassazione, nella sentenza n. 20879/2021.

In materia di bancarotta fraudolenta patrimoniale, la prova della distrazione o dell’occultamento dei beni della società, dichiarata fallita, è desumibile dalla mancata dimostrazione, da parte dell’amministratore, di quale sia la loro destinazione. Tale onere della prova è giustificato dalla necessità di tutelare il ceto creditorio. Nel senso che, se è l’amministratore a essere responsabile della gestione dei beni sociali e a rispondere nei confronti

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU