X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Contratti a termine cessati prima del 23 marzo rinnovabili per chi accede alla CIG

Per l’operatività delle deroghe di cui all’art. 19-bis del DL 18/2020 non è necessario che il lavoratore fosse in forza in tale data

/ Mario PAGANO

Sabato, 29 maggio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

A pochi giorni di distanza dai chiarimenti su rinnovi e proroghe dei contratti a termine per le aziende che accedono ai trattamenti di cassa integrazione (nota n. 762/2021), l’Ispettorato nazionale del lavoro (INL) ritorna sull’argomento con la nota n. 855, pubblicata ieri, affrontando una questione rimasta ancora aperta all’indomani della pubblicazione della citata nota.

L’INL ha già spiegato che risulta ancora possibile, per le aziende che accedono ai trattamenti di cassa integrazione, procedere alla proroga o al rinnovo dei contratti a termine in ragione di una lettura dinamica dell’art. 19-bis del DL 18/2020, da ritenersi ancora attuale e perfettamente operativo.
Tale disposizione, in ottica di salvaguardia dei posti di lavoro e dell’occupazione, ha fornito ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU