X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

L’ospitalità di impianti nelle telecomunicazioni non è locazione ai fini IVA

/ Dario BONSANTO e Emanuele GRECO

Venerdì, 25 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel settore delle telecomunicazioni non è infrequente il caso in cui le compagnie provvedano alla stipula di contratti atipici al fine di ottenere la disponibilità di spazi immobiliari sui quali posizionare antenne, ripetitori o ponti radio.
Tra i contratti atipici che, generalmente, sono stipulati vi è l’accordo tale per cui un soggetto che ha la disponibilità di un immobile (essendone proprietario o conduttore in forza di un contratto di locazione) concede in ospitalità spazi dell’immobile medesimo a un altro operatore per finalità di telecomunicazione, prevedendo a tal fine il versamento di un corrispettivo.

Ad avviso dell’Agenzia delle Entrate (cfr. ris. 8 maggio 2007 n. 90), per poter correttamente inquadrare la fattispecie ai fini IVA, occorre, in primo luogo, avere riguardo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU