X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

La distinta dei beni inventariati è producibile anche in giudizio

/ REDAZIONE

Venerdì, 18 giugno 2021

x
STAMPA

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 17244 depositata ieri, ha sancito che, per effetto dell’art. 15 comma 2 del DPR 600/73, l’inventario deve riportare le merci presenti in magazzino per categorie omogenee.

In mancanza, si verifica una inattendibilità della contabilità tale da legittimare l’accertamento induttivo-extracontabile, ai sensi dell’art. 39 comma 2 lett. d) del DPR 600/73.

Pertanto, l’Agenzia delle Entrate può rideterminare il reddito utilizzando presunzioni “semplicissime” (prive dei requisiti di gravità, precisione e concordanza), oppure utilizzando qualsiasi dato pervenuto alla sua conoscenza.
Laddove, tuttavia, il contribuente sia in possesso delle distinte che compongono l’inventario, ha l’onere di produrle in sede di accesso, o, al più tardi, durante il giudizio.

TORNA SU