X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Agevolazione IVA per le donazioni di beni non più commercializzabili

Resta fermo per il donante il diritto alla detrazione dell’imposta assolta sugli acquisti

/ Corinna COSENTINO

Mercoledì, 23 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’agevolazione prevista dalla c.d. “legge antispreco”, che consente di considerare distrutti ai fini IVA i beni ceduti gratuitamente nei confronti di specifiche tipologie di enti, non può essere interpretata in modo estensivo e, in linea generale, deve applicarsi ai beni che, se non fossero oggetto di donazione, sarebbero destinati a essere distrutti o a costituire un rifiuto o scarto.
È questo uno dei chiarimenti forniti dalla consulenza giuridica n. 8 di ieri, con la quale l’Agenzia delle Entrate si è pronunciata in merito all’ambito applicativo dell’art. 16 comma 1 della L. 166/2016.

La norma citata dispone che la presunzione di cessione ex art. 1 del DPR 441/97 non opera per alcune tipologie di beni qualora la loro distruzione si realizzi con la cessione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU