X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Estensione degli impatriati con opzione alla fine del primo quinquennio

I soggetti per cui l’ultimo anno di fruizione del regime è stato il 2020 effettuano il versamento entro il 30 agosto 2021

/ Riccardo BARONE, Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Giovedì, 15 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 1 comma 50 della L. 178/2020 ha introdotto l’opzione per il prolungamento del regime dei c.d. lavoratori impatriati. In particolare, la norma ha previsto la sostanziale estensione del regime maggiormente favorevole, già applicabile a partire dall’aprile 2020, anche a quei lavoratori che fruivano del regime al 31 dicembre 2019.

Per detti lavoratori l’opzione per il prolungamento non è automatica, ma è subordinata al versamento di un importo pari al 5% o al 10% dei redditi di lavoro dipendente e di lavoro autonomo prodotti in Italia e oggetto dell’agevolazione, relativi al periodo precedente di esercizio dell’opzione. Quest’ultima, comunque, è subordinata al possesso di specifici requisiti, ovvero la presenza di figli minorenni e/o l’acquisto

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU