X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Neutralità IVA da preservare nell’accertamento

Secondo la Corte di Giustizia l’IVA può essere scorporata dal corrispettivo, se non è garantita la rivalsa

/ Dario AUGELLO e Gabriella DE MATTIA

Sabato, 3 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza C-521/19 del 1° luglio 2021 la Corte di Giustizia ha ribadito che, in caso di accertamento per evasione fiscale, gli Stati devono comunque preservare la neutralità dell’IVA, ferma restando l’applicazione delle sanzioni nei confronti del soggetto che non ha emesso la fattura.

Nel caso portato all’attenzione della Corte di Giustizia un lavoratore autonomo residente in Spagna percepiva compensi, che non venivano né contabilizzati, né di conseguenza dichiarati ai fini IVA.
A fronte dell’accertamento subito, il contribuente eccepiva davanti al giudice nazionale l’illegittimità dell’applicazione a posteriori dell’IVA, nella misura in cui il lavoratore autonomo, secondo il diritto interno, non aveva la possibilità di esercitare la rivalsa nei

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU