X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 19 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Contributo integrativo non applicabile alla cessione di beni ammortizzabili

/ Mirco GAZZERA

Giovedì, 22 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il volume d’affari assume rilevanza non solo in ambito IVA (es. per l’acquisizione dello status di esportatore abituale), ma anche quale base di calcolo del contributo integrativo che gli iscritti agli Ordini professionali (es. dottori commercialisti) devono versare alla relativa Cassa di previdenza e assistenza. In caso di cessione di beni ammortizzabili, l’eventuale plusvalenza realizzata concorre a formare il reddito professionale sul quale si calcola il contributo soggettivo dovuto alla Cassa d’appartenenza. Tuttavia, all’operazione non è applicabile il contributo integrativo, in quanto la stessa non è compresa nel volume d’affari del professionista.

Ai sensi dell’art. 20 del DPR 633/72, per volume d’affari del soggetto passivo si intende l’ammontare

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU