X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Le elevate temperature costituiscono un rischio lavorativo da valutare

L’Ispettorato richiama l’attenzione del proprio personale sulla prevenzione per i lavoratori sottoposti a stress termico ambientale

/ Mario PAGANO

Venerdì, 9 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Impiegare lavoratori in attività che comportino l’esposizione ad alte temperature può costituire una violazione in materia di salute e sicurezza direttamente sanzionabile. Questo è quanto emerge dalla recente nota n. 4639/2021, con la quale l’Ispettorato nazionale del lavoro (INL), ha acceso i riflettori su un tema di grande attualità troppo spesso sottovalutato, ma che costituisce un passaggio fondamentale per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori ma prima ancora della loro dignità.

Va ricordato, sul punto, quanto previsto dal Presidente della Regione Puglia che, con propria ordinanza, ha vietato dal 28 giugno scorso il lavoro in condizioni di esposizione prolungata al sole, dalle ore 12:30 alle ore 16 fino al 31 agosto 2021. La decisione è arrivata dopo il decesso ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU