X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

FISCO

Regolarizzabili con la dichiarazione IVA integrativa le omesse fatturazioni 2020

Occorre emettere, ora per allora, la fattura di vendita

/ Mirco GAZZERA e Simonetta LA GRUTTA

Lunedì, 26 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

I soggetti passivi, che intendono rettificare o integrare la dichiarazione IVA presentata per l’anno 2020, possono trasmettere una dichiarazione integrativa entro il termine di decadenza del potere di accertamento (31 dicembre 2026). Sono considerate valide e possono essere oggetto di integrazione, anche le dichiarazioni c.d. “tardive” presentate entro il 29 luglio 2021 (si veda “Fino al 29 luglio si può ancora evitare l’omessa dichiarazione IVA per il 2020” del 21 luglio 2021).

Fra i casi che possono rendere necessaria la presentazione di una dichiarazione IVA integrativa, rientra l’omessa fatturazione di operazioni imponibili effettuate nel 2020. Per regolarizzare la posizione, occorre emettere, ora per allora, la fattura di vendita. Il documento deve

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU